Casa delle donne, la sindaca ci sfratta e dimentica che questa è anche casa sua

– Non noti nulla?
– No, cosa?
– Guarda bene, se ti metti al centro del giardino, sotto la magnolia, si nota benissimo che le finestre del primo e secondo piano dell’edificio sono troppo separate tra loro. C’è un piano in mezzo senza finestre, murato. Lo vedi?
– Ora sì.
– L’hanno fatto apposta per confonderle, per non farle scappare.
– Chi?
– Le donne che reclutavano qui nel Seicento per farle convertire. Loro, espressione del sessismo dell’emarginazione sociale, del clima persecutorio, delle violenze dentro e fuori la famiglia.

<a class="colorbox" rel="nofollow" href="https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/05/15/casa-delle-donne-di-roma-mozione-per-riallinearla-alle-esigenze-del-comune-le-attiviste-cancella-nostra-autonomia/4358231/" …read more