Governo, seconda bozza contratto. Codice etico per i ministri: no a condannati, massoni o in conflitto di interessi

Un codice etico per i membri del consiglio dei ministri: via se hanno condanne o sono in conflitto di interessi con “la materia oggetto di delega”. E questa una delle novità dell’ultima bozza del contratto di governo Lega-M5s, una versione su cui Luigi Di Maio e Matteo Salvini stanno discutendo in queste ore. Terminato il tavolo tecnico, ora rimangono da limare alcuni punti critici (circa 6) e poi si tratterà di lavorare per la scelta della squadra di governo e del presidente del Consiglio dei ministri. Nelle scorse ore era stata diffusa una prima bozza, pubblicata in esclusiva dall’HuffPost, …read more