Marocco, massacro di cani randagi per la visita degli ispettori Fifa in vista dei Mondiali 2026. “Uccisi a fucilate di notte”

Ancora gli ispettori della Fifa, ancora una strage di cani. Questa volta lo sfondo dello sterminio di animali a fucilate non è più l’Ucraina degli Europei di calcio 2012, ma il Marocco candidato a ospitare i Mondiali 2026. La denuncia arriva dagli educatori cinofili italiani che da quattro anni aiutano l’associazione animalista Le coeur sur la patte di Taghazout, un piccolo villaggio di pescatori a pochi chilometri da Agadir. “A Taghazout da lunedì non c’è più nessun cane. Uomini armati e gendarmi sono arrivati di notte con dei camioncini. Pagando ragazzini per sapere dove si nascondevano i …read more