Migranti, la terapia di gruppo con italiani e stranieri (insieme) per superare traumi: come nasce la “cultura dell’incontro”

Può l’incontro con l’altro, con il diverso per cultura e religione, diventare un modo per curare problematiche psichiche? È il nuovo approccio che Alfredo Ancora, psichiatra e psicoterapeuta che da anni si occupa di transculturalità con il suo lavoro nei servizi psichiatrici territoriali di Roma e l’Università di Siena, ha provato sperimentando una psicoterapia di gruppo che mette insieme pazienti italiani e stranieri con vissuti differenti per trovare, attraverso le dinamiche di relazione, una cura. I risultati di questo metodo innovativo sono illustrati nel suo libro “Verso una cultura dell’incontro” pubblicato da Franco Angeli, che vuole essere anche una specie …read more